Come togliere il calcare dall’acqua del rubinetto di casa

Lavare piatti con acqua di rubinetto

Tabella dei contenuti

“Conosci il tuo nemico e saprai come sconfiggerlo”: sicuro di sapere come affrontare il calcare nell’acqua di casa? Scopriamo nel dettaglio cos’è il calcare, se bere acqua calcarea ha effetti sulla salute e come eliminarlo dal rubinetto e dalle superfici.

Premessa: cos’è la durezza dell’acqua?

L’acqua del nostro rubinetto non è mai pura al 100%, in quanto non è distillata: per essere potabile deve contenere una percentuale di sali minerali, come calcio e magnesio, che formano il residuo fisso. Più è alto il residuo fisso, più l’acqua è considerata “dura”.

Per spiegare cosa si intende per durezza dell’acqua, ecco la definizione del Ministero della Salute: “la durezza di un’acqua è principalmente ricondotta al contenuto di sali di calcio e magnesio, presenti in forma di carbonati, bicarbonati, solfati, cloruri e nitrati, e dipende dall’origine superficiale o profonda delle acque e dalla geologia dell’area di captazione.

Di conseguenza più dura è l’acqua del rubinetto, più rapida e intensa sarà la formazione di calcare, che a lungo andare si deposita negli oggetti di uso quotidiano.

Analisi durezza dell'acqua

Cos’è il calcare? È dannoso per la salute?

La calcite (formula chimica CaCO3), più comunemente conosciuta come calcare, è il sedimento di sali minerali che rimane sui rubinetti e sulle superfici dopo l’evaporazione dell’acqua ad alto residuo fisso (o “dura”), visibile ad occhio nudo come un alone bianco.

I depositi di calcare che troviamo su stoviglie, lavandini, sanitari e all’interno degli elettrodomestici sono dovuti alla lenta ma continua sedimentazione dei sali di calcio e magnesio, che si trovano naturalmente nell’acqua potabile in varie concentrazioni.

Possiamo da subito affermare che bere acqua calcarea non fa male. Il calcare infatti non è assolutamente dannoso per la salute umana, anzi: sembra ci sia una correlazione positiva tra salute cardiovascolare e durezza delle acque potabili (in particolari quelle ricche di calcio e magnesio, sali minerali di notevole importanza per il nostro benessere).

Bambini che usano acqua di rubinetto

Che problemi provoca l’acqua calcarea?

Un po’ di calcare nell’acqua è normale e, di solito, non causa problemi rilevanti. Un’acqua troppo calcarea però può creare alcuni disagi nella vita domestica, ad esempio:

  • Danni agli elettrodomestici come lavatrici, lavastoviglie, bollitori e macchinette del caffè, dove i residui si accumulano fino a impedirne il corretto funzionamento;
  • Incrostazione e macchie su sanitari, rubinetti, piastrelle, bicchieri e stoviglie di vetro;
  • Maggior consumo di sapone e detersivi, in quanto il calcare ostacola la schiuma;
  • Minore efficienza e durata degli impianti idraulici;
  • Gusto sgradevole dell’acqua potabile.

Se pensi che l’acqua del rubinetto sia troppo calcarea, puoi prendere alcuni provvedimenti per bere un’acqua più gradevole e allungare la vita degli apparecchi in casa.

Eliminare calcare dalla lavastoviglie

Perché e come togliere il calcare

Eliminare il calcare dall’acqua è utile a mantenere in buono stato la rubinetteria, l’impianto idraulico e gli elettrodomestici, oltre a migliorare il gusto dell’acqua potabile.

Come fare, quindi, per togliere il calcare dall’acqua?

  • Utilizzare un depuratore d’acqua da installare sottolavello (come Goccia di Nanosystem), in grado di abbassare il residuo fisso e rimuovere le impurità;
  • Installare un filtro anticalcare per la lavatrice;
  • Effettuare pulizia regolare di lavastoviglie, bollitore e macchinette del caffè.

Se cerchi invece una soluzione immediata, puoi provare con un piccolo rimedio casalingo per eliminare i residui di calcare in modo rapido e naturale, usando l’acido citrico.

L’acido citrico si trova in tutti i supermercati ed è un potente disincrostante e anticalcare naturale. Non ha nessun effetto collaterale sulla salute umana (è utilizzato anche come sostituto del succo di limone) e può allungare la vita dei nostri elettrodomestici.

È possibile utilizzarlo nella lavatrice, nella lavastoviglie, nel bollitore e nella macchinetta del caffè: è sufficiente aggiungere 2-3 cucchiaini di acido citrico in polvere diluito in acqua, prima di programmare un giro a vuoto ad alte temperature, lasciando poi riposare e risciacquare.

Elimina il calcare dall’acqua – prevenire è meglio!

Se invece preferisci agire a monte del problema (che è spesso la soluzione migliore), è possibile scegliere di installare un purificatore per l’acqua del rubinetto di casa. In questo modo l’acqua che beviamo avrà un sapore migliore e un minore residuo fisso.

Ma quale depuratore scegliere per filtrare il calcare? Ti consigliamo Goccia, il purificatore a nanofiltrazione di Nanosystem: è in grado di eliminare efficacemente il calcare dall’acqua del rubinetto, rimuovendo anche sostanze nocive come batteri, virus, metalli pesanti, microplastiche e PFAS per garantire un’acqua sicura da bere al 100%.

Goccia è un sistema di depurazione ad alta tecnologia, studiato per garantire nel tempo la massima qualità dell’acqua di casa: è possibile provarlo gratuitamente senza impegno e acquistarlo poi con la sovvenzione del bonus idrico 2023 o tramite formule a noleggio.

Scopri tutti i motivi per cui scegliere Goccia e contattaci per testarlo a casa tua!

Prova GOCCIA gratuitamente

    Acconsento al trattamento dei miei dati in accordo alla vostra informativa privacy *